2045
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-2045,stockholm-core-2.1.8,select-theme-ver-7.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

Sebastiano

 

inedita

Ci son persone
che usano verbi come sciabole
così, mi faccio da parte
vestendomi di corda
e reclinando il capo
ferito da innumerevoli frecce di parole costituite
col capo reclinato resto
anche però da luce trafitto, fossi quasi
un Sebastiano bellissimo ma resiliente.

 

E’ l'”Io” causa di troppi dolori,
se non ci si accorge che anche l’ “altro” esiste!
e non ci sono confini, se m’appoggio, in volo,
a nuvole di panna
che disegnano nel sole
una spirale di coriandoli e tempera ad olio
sulla tela dei giorni
quasi fossi io, un Sebastiano sanguinante ma splendido
dalle mani di Caravaggio, nato.

parole

© Stefano Mantovani

dicembre 2020

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Accetta e chiudi' acconsenti al loro utilizzo. <br>Senza consenso alcune parti del sito non vengono visualizzate.<br> Per maggiori informazioni leggi qui l'informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi