3145
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-3145,stockholm-core-2.4,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

Intervista a Luciana Lanzarotti

 

 Corrispondenza tra Stefano Mantovani e Luciana Lanzarotti
Biella – Genova, Maggio 2024

 

Domande e risposte inviate per iscritto, tramite Posta

 

Verbum de verbo (Parola per parola)

Le parti dell’intervista vengono inserite gradualmente, e postate sulle pagine social dell’autore, fino a completamento dello scambio di domande e risposte. 

DOMANDA 1

Buongiorno… Grazie Luciana Lanzarotti per il privilegio di questa intervista scritta!!
Per iniziare, cosa Vorresti dirci di Te?

RISPOSTA:

“Sì, che chissà quante interviste sono andate perdute.
O silenti, si sono inabissate o interrate.
Sono qui adesso e ti do del ricordo alcuni succhi. Che servano o non servano,
di me quel che resta può essere vano* per tutti, non per me. Né tu per te.
Quindi sto a questo gioco un poco vanesio per una memoria che come profumo svanirà.”

* o forse la parola scritta è “vero”

 

 

DOMANDA 2

Luciana, il Tuo Curriculum Vitae Artistico, richiederebbe almeno un paio d’ore di approfondimento, hai scritto per Teatro, Cinema, Televisione, hai Lavorato per Teatro, Arte, Cultura, Televisione, Radio… Hai “anticipato” la candid-camera viaggiando in treno, con l’Editore Neri Pozza, hai pubblicato il Libro : “Il piccolo Lutring“… Cosa hai amato maggiormente, nel Tuo percorso artistico-culturale?

RISPOSTA:

“Cambio penna. Questa vuole incidere avanti e retro.”
Ho amato tutto, anche il non amabile. Perchè solo così ho vissuto ogni momento.
Di più e rifarei, è “LA NOTTE DEI MISTERI di Radio Rai 1.
Eravamo davvero soli, voci nella notte e io che realizzavo tutto il programma come quando si narra mettevo insieme voci che erano vite di fiati che andavano nell’etere e volevano ESSERCI . E io le facevo STARE lì e si spogliavano ed era amore umano.
Si sentiva, lo sentivano i giornalisti compagni della notte. Lo sentivano i camionisti, i panettieri gli insonni, i depressi e stavamo bene come a cinguettare o urlare in un nido.”

 

 

DOMANDA 3

E il Teatro?”

RISPOSTA:
“Un gioco. Per me un gioco. Nell’età giusta.
Post-puberale in cui impari (se vuoi) dagli altri, li imiti e anche li idolatri (a volte).
Mi ha insegnato a vedere i caratteri, a studiare gesti e toni, a misurare lo spazio.
Una MATEMATICA NASCOSTA.
Il Teatro prima di tutto è tempo e ritmo. Poi spazio vitale. Poi è schizofrenia autorizzata. Se guarisci e vuoi essere te stesso smetti.
Ho smesso prestissimo. Io sono io fatta di tutto e di tutti, degli altri qui per terra non sopraelevati.”

Intervista a Luciana Lanzarotti
Intervista a Luciana Lanzarotti

DOMANDA 4
“Luciana, che cosa ne dici, dell’Arte contemporanea”?

RISPOSTA:
L’Arte è un linguaggio.
Deve attrarre per emozioni
Se finisce il Paradiso delle Emozioni, finisce l’Arte.
Nasce la tecnica e il piacere del “funzionamento razionale” senza vie d’uscita per alcun luogo sconosciuto Paradiso anelato.
Da sempre ora appare nei meccanismi raggiungibile in terra un allontanato Dio.
Tu ci hai fatto di terra noi di acciaio. Non si sgretola.
E l’Anima? l’Anima?
La nuova Anima sarà come l’orologio, meccanica.

DOMANDA 5
“Quale materia scolastica introdurresti a scuola”?
RISPOSTA:
“L’ora del ragionamento che collega i fatti.”
“L’ora del cuore che non sa niente ma promuove i sentimenti.”

 

DOMANDA 6
“Ciò che desideri scrivere o disegnare Luciana…”
RISPOSTA:
“Per disegnare il desiderio nasce da una superficie, questa non è desiderabile
Scrivere… lo trovi nelle pagine della mia intervista.
Stavo scrivendo: “delle interviste”.
Perché non so. Mentre tu mi domandavi mi faccio domande.
Quindi “le interviste”.

DOMANDA 7
“Luciana Lanzarotti, ci confideresti chi sono i tuoi Autori, Autrici preferiti (viventi)?
RISPOSTA:
“Mah…
Ammaniti…
Mi perdo a leggere 1000 Poesie e non mi resta niente. Niente!
Sono felice di aver letto gli Autori del passato.
Morti, che non fanno reading.
Penso che le epoche storiche, producano i loro autori.
Questa epoca produce macchine copiatrici, furbetti, fingitori, assemblamenti
sempre con giustificazioni.
Non ci perdo molto tempo.
Un po’ per capire.

Nota dell’Autore

Prima di “incontrare” radiofonicamente di notte, e poi di persona, vari lustri fa, il Caro Maestro, Amico, Mentore Maurizio Costanzo, su Radio 1 Rai, conobbi sempre tramite Radio 1 la Signora Luciana Lanzarotti, che con ospiti, altri colleghi giornalisti e conduttori Radiofonici conduceva :”La Notte dei Misteri” (Radio 1 Rai)

© Stefano Mantovani Coppola